04lug 2016
BIENNALE DI VENEZIA: UN VIAGGIO TRA LE PERIFERIE DEL MONDO
La quindicesima mostra di architettura ospita “Gang City

Un evento composto da due mostre, un simposio internazionale, un ricco programma di performance, incontri e concerti. Degrado urbano, violenza sociale, il mondo delle gang raccontato attraverso un viaggio nelle periferie disagiate delle grandi città. Gangcity (1) è ben più di un evento collaterale della quindicesima Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia, aperta fino al 27 novembre 2016 nello spazio Thetis dell’Arsenale Nord. È un progetto, coordinato da Fabio Armao, docente di Politica e processi di Globalizzazione dell’Università di Torino, che va alla ricerca del profondo legame tra tessuto urbano e fenomeni sociali caratterizzati da illegalità e violenza. L’intento è quello di divulgare e coinvolgere attivamente la comunità scientifica e artisti di ogni settore per far emergere soluzioni operative innovative e sostenibili. 

La mostra fotografica, curata da Anna Zemella - è composta da 80 scatti in bianco e nero di sei maestri della fotografia - Letizia Battaglia, Francesco Cito, Donna De Cesare, Salvatore Esposito, Walter Leonardi, Valerio Polici – in grado di raccontare, sotto diverse angolazioni, e da Scampia a Roma, dall’America Latina a Napoli, a Los Angeles, a Palermo, oltre 40 anni di drammatica relazione tra degrado urbano e degrado sociale. 

L’esposizione di opere di design, curata da Davide Crippa, analizza, attraverso la creatività provocatoria di oltre 20 artisti internazionali, oggetti, simboli, linguaggi e rituali delle gang. Racconta, in pratica, abbigliamento, tatuaggi, accessori e oggetti di culto caratteristici dei gruppi criminali. 

Sempre fino a novembre, è possibile l’erogazione di crediti formativi, con workshop per studenti e cicli di seminari per mettere in rete professionisti di tutti i settori; un programma di iniziative culturali che spaziano dal teatro ai concerti, dalla proiezione di film, documentari e corti alle installazioni artistiche; un concorso fotografico internazionale rivolto agli studenti, chiamati a raccontare per immagini manifestazioni e soluzioni del problema.

Insomma, la periferia sviscerata nelle sue dinamiche, nelle sue atrocità, nel suo degrado, ma anche e soprattutto, nelle sue potenzialità di riqualificazione e riappropriazione degli spazi urbani. 

 

1

Photo Credits

Photo 1 : Alexandre Meneghini

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Aprile… come una pennellata di colore nel paesaggio urbano, boutiques di moda e non solo, mostrano con una certa "insolenza", colori pastello e flou. E' primavera (1). Ce lo racconta molto bene la nostra Giulia, esperta di moda, indicandoci, per esempio, i vivacissimi gialli, rosa o blu che fanno fiorire di una luminosità intensa i top ed i lunghi abiti da sera firmati Jason Wu. Non mi chiedo se queste tinte, forse ancora un po’ troppo “sfacciate” mi donano oppure no. Se sono po...

 

 

FoodMoodMag utilizza cookies proprietari di tipo tecnico e cookies di tipo Analitico ( Google Analytics ) per migliorare la navigazione. Cliccando sul pulsante "Accetto" dai il tuo consenso e permetti a FoodMoodMag di salvare questi dati sul tuo computer.