25feb 2022
Lampada Lumiere
Alchimia a colori

Lumiere di Foscarini: Cipria, Creta e Sahara sono le inedite vellutate ed avvolgenti sfumature, protagoniste della collezione Lumiere Nuances, ultima nata della famiglia di lampade da tavolo firmate da Rodolfo Dordoni, rilettura in chiave contemporanea della classica abat-jour.

Tra i best-seller Foscarini, oggi la nuova collezione Lumiere Nuances viene proposta con diffusore e base in metallo cromaticamente coordinati.

Progetto del 1990 a firma di Rodolfo Dordoni, Lumiere è diventata un’icona di design contraddistinta dal prezioso diffusore in vetro soffiato e dall’inconfondibile treppiede in alluminio. In due dimensioni, Grande e Piccola, da 32 anni espressione di un flusso creativo in costante rinnovamento, nei colori, nelle finiture, nelle proporzioni e nei dettagli, Lumiere ha saputo evolversi nel tempo conservando immutata la presenza formale che l’ha resa un evergreen, un oggetto di design sempre attuale. 

Oggi le versioni Lumiere Nuances svelano nuove raffinate tonalità in cui le parti metalliche sono coordinate al colore del vetro a lampada spenta, che si illumina di luce e calore a lampada accesa. Nella collezione Lumiere Nuances il colore passa infatti dal diffusore al treppiede fino ad avvolgere l'intera lampada. Tre le tinte proposte, estremamente attuali, esaltate dalla finitura opaca della base: Cipria, affascinante tonalità rosata; Creta, sofisticata colorazione grigio-verde e Sahara, un colore caldo che ricorda la sabbia del deserto.

 

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Pensavamo fosse un brutto sogno. Una possibilità molto remota se non inammissibile. Che non ci avrebbe mai toccato anche indirettamente. La guerra (1). Solo scriverla o pronunciarla mette i brividi. Ci lascia interdetti, basiti, increduli. Con i suoi assurdi scenari e il suo linguaggio riaffiora dalla storia nel cuore dell’Europa. Copri fuoco. Bombardamenti. Vittime civili. Bambini disperati. Gente alla ghiaccio e senza cibo per ore interminabili. Code di carri armanti. Le sanzioni economiche che pesano sempre di più. L’indomabile resistenza ucraina. E poi migliaia di