29apr 2022
Firenze - Cosa vedere? Le installazioni di Sammy Baloji
A Palazzo Pitti, una grande mostra site-specific

Sammy Baloji tra i più interessanti artisti della scena contemporanea (1), espone per la prima volta in Italia. Succede a Firenze, esattamente presso l’Andito degli Angiolini di Palazzo Pitti dove, è visitabile K(C)ongo, Fragments of Interlaced Dialogues. Subversive Classifications. La narrativa di Baloji si snoda in sette sale (2 - 3) ed è accomunata da un tappeto della lunghezza di 88 metri (The Crossing), prodotto e realizzato per le sale dell'Andito degli Angiolini, la cui decorazione traduce i motivi geometrici e a fasce circolari di quattro preziosi olifanti Kongo (trombe cerimoniali d'avorio intarsiate) eccezionalmente riuniti nella mostra: tre di essi provengono dal Tesoro dei Granduchi di Palazzo Pitti, uno è stato concesso in prestito per l’occasione dal Museo delle Civiltà di Roma. Questi splendidi oggetti, due dei quali presenti nelle collezioni medicee fin dal Cinquecento, segnano il punto di arrivo di un cammino che evidenzia sala dopo sala la complessità dei “dialoghi intrecciati” tra Kongo, Europa Rinascimentale ed Europa Moderna.

Con l'installazione immersiva Gnosis, ispirata alla Sala delle Carte Geografiche di Palazzo Vecchio, Sammy Baloji esplora il concetto di Wunderkammer (ovvero stanza delle meraviglie) inquadrando le collezioni rinascimentali di mirabilia e naturalia e la nascita dei moderni musei antropologici ed etnografici italiani. Alcune sculture in prestito dal Museo di Antropologia e Etnologia di Firenze, provengono dal Congo coloniale (4) e arrivarono in Italia all’inizio del XX secolo. Le lettere del Re Afonso I del Kongo al sovrano portoghese Manuel I, così come le placche di rame e bronzo di Baloji Negative of Luxury Cloth e la scultura-telaio Goods Trades Roots (nei quali i motivi geometrici rimandano ai preziosi tessuti di rafia, arrivati in Italia tra il Cinquecento e il Seicento attraverso i mercanti portoghesi), parlano di una relazione paritaria ed orizzontale tra Europa e Africa, che ribalta la narrazione “esotica” divenuta in seguito predominante.

L’esposizione evidenzia un profilo “sovversivo” delle opere Kongo, che superano le moderne classificazioni "esotiche" o "etnografiche", retaggio della tratta transatlantica degli schiavi e dello Scramble for Africa (conquista dell’Africa) della fine del XIX secolo, le cui implicazioni sono in conflitto con la percezione e i valori culturali contemporanei. La mostra chiude durante i mesi più caldi dell’anno, e sarà dunque aperta in due separati periodi: dal 26 aprile al 26 giugno e dal 6 settembre al 27 novembre.

L’artista Sammy Baloji: “I’m not interested in colonialism as nostalgia, or in it as a thing of the past, but in the continuation of that system”.

Il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt (5): “La ricerca storica rivela che la nostra percezione di oggetti e opere appartenenti a culture diverse è stata – e in molti casi è ancora - viziata in senso negativo. L’arte di Sammy Baloji ci indica invece una strada diversa da percorrere, attraverso la scoperta della verità del passato e il recupero delle relazioni orizzontali tra le culture: in questa prospettiva le sue opere diventano politiche nel senso più alto del termine”.

 

 

Titolo: Sammy Baloji. K(C)ongo, Fragments of Interlaced Dialogues.

Subversive Classifications

Curatela: Lucrezia Cippitelli, Chiara Toti, collettivo curatoriale BHMF

Luogo: Palazzo Pitti, Andito degli Angiolini

Durata: 26 aprile – 26 giugno; 6 settembre – 27 novembre

Esposizione realizzata in collaborazione con: The Recovery Plan, Twenty Nine Studio & Production

1

2

3

4

5

Photo Credits

Photo 1 : gianfranco gori
Photo 2 : gianfranco gori
Photo 3 : gianfranco gori
Photo 4 : gianfranco gori

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Fine delle vacanze. Parei, zoccoli e costumi lasciano il posto ad abiti e pantaloni. Si riparte (1). Per l’ufficio, però. Ebbene, tutto questo ricordando che, come diceva Confucio, “Scegli il lavoro che ami e non lavorerai neppure un giorno in tutta la vita”. Non possiamo che augurarvi che sia così e se non lo fosse, non è mai troppo tardi per cambiare o per ripensare a quel progetto da tempo nel cassetto. Certo, lo scenario (2) attuale tra inflazione, rincari e crisi climatica spinge a un sentiment di pessimismo diffuso, ...