15giu 2016
IL PROSECCO ALLA CONQUISTA DELLA SVEZIA
Cantina Pizzolato, un successo internazionale

Un vino ambasciatore del made in Italy e insieme del Bio; un prosecco che testimonia tutta la tenacia e la visione di una terra, come quella trevigiana, capace si stupire e conquistare. Sì, parlano veneto i vini Bio-Vegan più famosi nel Nord Europa, e raccontano la storia della Cantina Pizzolato di Villorba (1), attiva nel settore da oltre 35 anni, con oltre 4 milioni di bottiglie prodotte annualmente e 20 mercati esteri che assorbono il 93% della produzione.

Il dato non è casuale: il nord Europa e particolarmente sensibile alla cultura del biologico e della tutela ambientale, con la Svezia come primo mercato di riferimento per Cantina Pizzolato (1.400.000 bottiglie di Prosecco Spumante esportate in Svezia, il 54% dell’export), seguita da Germania, Norvegia, Stati Uniti, Olanda e Finlandia.

Rispetto della natura e dell’uomo sono i capisaldi dell’attività della Cantina Pizzolato (2), passata a essere, da piccola azienda agricola che produceva latte, frutta e vino sfuso, condotta da padre e figlio, a una realtà imprenditoriale in cui lavorano oltre 20 collaboratori e cheb produce 2.000.000 di bottiglie di vino fermo e 2.300.000 di vino nelle tipologie frizzante e spumante.

Il lungo percorso, cominciato nel 1981, quando Settimo Pizzolato entra in azienda affiancando il padre Gino, è passato attraverso scelte non scontate, perché essere pionieri della viticoltura bio in Italia non è certo stato facile. Proprio Settimio Pizzolato ricorda come al Vinitaly del 1992 il bio venisse considerato senza futuro, forse anche a causa di alcuni prodotti di qualità non proprio elevata. Nel frattempo anche in Italia è aumentata la sensibilità nei confronti di queste tematiche, così come la tecnologia. Del resto, questa visione moderna e imprenditoriale è dimostrata anche dalla nuova struttura, prezioso scrigno dell’anima biologica di Pizzolato, che accoglie gli uffici e l’intera produzione e che è stata inaugurata alla fine di maggio. L’innovativa architettura, firmata dallo studio Made Associati, è stata creata per integrarsi completamente con l’ambiente circostante, affiancando la Villa del 1500 residenza della proprietà.

Un progetto che esalta la storia, la cultura e la tradizione del territorio vinicolo trevigiano senza al contempo trascurare la volontà di un continuo dialogo tra conoscenza, rispetto e benessere; un’iniziativa – quella dell’apertura verso i mercati esteri - che testimonia curiosità, coraggio, intraprendenza.

Il Bio, insomma, come chiave d’accesso per nuove esperienze elettrizzanti, per nuovi incontri, per nuovi scenari.

1

2

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Un cliché decisamente intramontabile quello del plaid, caldo, “fluido” nel senso di trasportabile ovunque, sulla poltrona davanti alla tv, in camera da letto anche se la casa è ben riscaldata (1). Cosy è cosy, e sopratutto sta bene là dove si dimentica, senza compromettere lo stile domestico, qualunque esso sia: lo si getta sul divano, lo si riprende, si piega, si ripone nell'armadio, il più delle volte ritorna etc… Mai senza! Come il mitico tubino nero.  E a seconda dei propri fantasmi invernali, lo si può accompagnare a una vellutata fuma...