Visioni da bere :: 9 apr 2024

Triple A di Velier

I nuovi vini naturali

In una esclusiva degustazione tenutasi pochi giorni fa nella sede milanese dell’importatore Velier, abbiamo avuto modo di assaggiare in anteprima le novità dei vini naturali Triple A, punta di diamante del catalogo della prestigiosa azienda genovese che, da oltre 60 anni, distribuisce il meglio dei distillati e dei vini da tutto il mondo. Ecco il resoconto della serata e i sette produttori presentati.

Caval de Val de l’Amour piccolo gioiello del Jura

La regione francese che confina con la Svizzera e produce vini eccezionali ma non ancora così conosciuti in Italia, ruota attorno alla cittadina di Arbois. Poco lontano, nel villaggio di Cramant, Sylvain Jacquot gestisce due ettari di vecchi vigneti abbandonati perché inadatti alla mecanizzazione. Con un’età media intorno ai cinquant’anni, le vigne comprendono Chardonnay, Savagnin, Pinot nero e Trousseau e il MacVin tipico vino fortificato della regione. Realizzati nel profondo rispetto della natura e del terroir, sono una vera sorpresa per i nostri palati, in particolare lo Chardonnay, le cui caratteristiche principali sono la vivacità  e la purezza.

Bruno Duchene: il Banyuls che non ti aspetti

Produttore proveniente da un precedente lavoro di rivenditore di funghi selvatici nella Loira, da circa vent’anni si è spostato all’altro capo della Francia, nel Roussillon per far il vignaiolo. 4 ettari di dominio con ripidi pendii di 300 metri lavorati in modo strettamente manuale con trattamenti come rame e zolfo ridotti al minimo. Tra i vitigni coltivati ci sono il grenache noir, blanche e gris, tempranillo e syrah. Dal grenache noir si realizza Le puits de laurie, un Banyuls fortificato, caldo con un naso di frutta secca, sottospirito, cioccolato e spezie dolci. Un grandissimo vino da fine pasto. 

Kalathas una rarità dall’isola di Tinos nelle Cicladi greche

Jerome Binda lasciata la Francia ha trovato il suo eden in quest’isola selvaggia battuta dai venti al punto che le viti strisciano sul terreno sia perché non trovano supporti per crescere in verticale, sia per ripararsi dal clima, in terreno ostile, con alto contenuto di sabbia. Progetto teso a recuperare i vitigni autoctoni come Aidani, Asyrtiko, Potamisi. Bianco naturale con spiccata salinità citrica e un ricordo della foglia di cappero. Perfetto con una insalata di polpo e patate.

Keltis una bollicina “estrema" dalla Slovenia 

Situato a est di Lubiana in un piccolo villaggio è composto da 22 ettari di cui 5 vitati ha portato il biodinamico in una zona di produzione tradizionale. Miha Kelhar, il proprietario coltiva dieci varietà diverse in prevalenza bianchi e spumanti. Mario Roze è stata la nostra scelta, un blend di Pinot nero e Chardonnay che al naso ha profumi di mela, frutti rossi con una bollicina fine e persistente che esaltano dei gamberi crudi conditi con olio evo.

Vinas Mora dall’estremo sud della Croazia un raro vitigno autoctono

Le colline alle spalle della località di Primosten conservano il Babic, una autentica perla della viticoltura eroica. Kreso Petrekovic e Niko Dukan hanno riportato in auge questo vitigno che cresce molto vicino al mare prendendo una spiccata salinità. Collaborando con degli anziani coltivatori, custodi della tradizione ormai quasi scomparsa, hanno scommesso sui terreni scalfiti dal sale e dal vento, impedendo l’abbandono delle vigne. Kaamen è il nome del vino un Babic in purezza che porta con sé tutto il sapore del mare.

Perseveranza e Ser Enzo, due produttori tra Emilia e Toscana

Il primo, a pochi passi da Modena possiede una vigna di Lambrusco di Sorbara al centro del paese con un secolo di età. Da questa nasce Centenario un rosato frizzante con naso di fiori freschi e frutti rossi che unisce mirabilmente la fresca beva dei Lambruschi più dissetanti alla profondità dei vini da vigne vecchie. Il secondo, situato nella val d’Orcia realizza dei Sangiovese in purezza è un rosso corposo di forza e carattere con palato di fritti neri e fiori freschi con finale lungo e profondo.
Una degustazione mirabile con delle autentiche rarità resa possibile solo dal notevole background di Velier. Tutti vini consigliatissimi!

Ron Millonario

FMM Highlights

Living & Convivi :: 24 apr 2024
Torino, Toulouse Lautrec in mostra
Al Mastio della Cittadella, Parigi e la Belle Époque
Visioni da bere :: 22 apr 2024
Torino, Damman Freres inaugura la sua seconda boutique del tè
Incontri di gusto fra Francia e Piemonte
Living & Convivi :: 22 apr 2024
Firenze, Uzbekistan: l'Avanguardia nel deserto
A Palazzo Pitti, in mostra la luce e il colore
Visioni da bere :: 16 apr 2024
Living Liqueurs and Delights compie 20 anni
La Milano da bere di livello
Lifestyle & Beauty :: 11 apr 2024
La bellezza secondo Euracom
Make up protettivo per un effetto shiny
Food :: 10 apr 2024
Meno30 Surgelati, qualità e bontà pronti in un lampo
Tra ricette della tradizione e pesce al naturale
FoodMoodMag
Via Ximenes, 19 50125 Firenze
redazione@foodmoodmag.it
+ 39 055 8026163