Visioni da bere :: 7 set 2020

Vittorio Sgarbi: "Natura, meglio di un'opera d'arte"

Colline di Conegliano e Valdobbiadene come una scultura

La domanda sorge spontanea... Quanto la natura può essere definita arte? Succede nella zona del Prosecco per antonomasia, tra Conegliano e Valdobbiadene, paradiso del buon bere e di paesaggi affascinati costellati da densi tratti boschivi, declivi più ripidi e vigneti a perdita d'occhio. Il quesito per nulla banale è stato al centro di un convegno di pochi giorni fa che ha avuto come come ospite d'onore il Prof. Vittorio Sgarbi insieme a Marina Montedoro, presidente dell’Associazione per il patrimonio delle Colline del Prosecco di Conegliano (1 - 2 - 3). Titolo dell'incontro che si è tenuto a Farra di Soligo (TV), presso l’Hotel Villa Soligo “Le Colline del Prosecco Conegliano e Valdobbiadene sono la più grande opera d'arte collettiva?” (4). Sgarbi non ha mostrato dubbi in merito: “E’ natura che è meglio di un’opera d’arte. L’arte è opera di un solo uomo, qui è corale perché opera di tanti uomini, è un luogo benedetto da Dio, dove l’uomo è riuscito a migliorare il territorio”. Dalle parole dell’illustre critico l’invito a non essere unici ma diversi, in quanto la diversità è connotazione di libertà. “L’insieme di natura e uomo diventa patrimonio”.

“Dopo il riconoscimento Unesco, che ha reso patrimonio dell’umanità le colline di Conegliano e Valdobbiadene, grazie alle sue caratteristiche di paesaggio rurale e culturale dove l’opera dei viticoltori ha dato vita a uno scenario straordinario, l’autorevole opinione del professor Vittorio Sgarbi fa acquisire a questo territorio ancora più valore” – ha affermato il presidente Marina Montedoro. "Ogni elemento di questa grande opera nata tra l’unione di uomo e natura va salvaguardato e come Associazione continueremo a lavorare perché il sito delle Colline del Prosecco diventi una meta sempre più ambita a livello mondiale, garantendone valorizzazione, tutela e protezione. E proprio in questa direzione va anche la nostra recente richiesta del riconoscimento, attraverso un iter di iscrizione semplificato, di tutti i vigneti ricadenti all’interno del sito UNESCO come storici ed eroici. Questa zona – ha concluso il presidente - è stata riconosciuta patrimonio dell’umanità per diverse ragioni che includono la viticoltura e la “cultura della vite” è proprio il pennello che ha disegnato queste colline”.

L'occasione ha visto, inoltre, l'artista agricoltore, Gino Righini classe 1928, consegnare a Sgarbi, a nome di tutti gli agricoltori delle colline di Conegliano e Valdobbiadene, un bronzino del Maestro Carlo Balljana, come segno di riconoscimento e gratitudine verso l'illustre critico. 

Arte, vino (5) e territorio: il lavoro di migliaia di agricoltori è scultura, pittura ma anche musica... è segno indelebile nel tempo perpetuato da generazione in generazione dove il rituale della vigna tramandato di padre in figlio diventa simbiosi perfetta tra uomo e natura.

 

Ron Millonario

FMM Highlights

Living & Convivi :: 24 apr 2024
Torino, Toulouse Lautrec in mostra
Al Mastio della Cittadella, Parigi e la Belle Époque
Visioni da bere :: 22 apr 2024
Torino, Damman Freres inaugura la sua seconda boutique del tè
Incontri di gusto fra Francia e Piemonte
Living & Convivi :: 22 apr 2024
Firenze, Uzbekistan: l'Avanguardia nel deserto
A Palazzo Pitti, in mostra la luce e il colore
Visioni da bere :: 16 apr 2024
Living Liqueurs and Delights compie 20 anni
La Milano da bere di livello
Lifestyle & Beauty :: 11 apr 2024
La bellezza secondo Euracom
Make up protettivo per un effetto shiny
Food :: 10 apr 2024
Meno30 Surgelati, qualità e bontà pronti in un lampo
Tra ricette della tradizione e pesce al naturale
FoodMoodMag
Via Ximenes, 19 50125 Firenze
redazione@foodmoodmag.it
+ 39 055 8026163