Minerva Mc Gregory
30nov 2016
Minerva MC Gregory
Redattore

Gli spazi si allargano, sempre nel mondo variegato del food, ma oggi anche del pet-food, grazie alla nostra nuova redattrice di settore cui diamo un caloroso benvenuto al suo zampettante ingresso tra noi.

Dalla natia fredda Edimburgo, scozzese di nascita, appunto, ma inglese di lignaggio, dopo esperienze varie e importanti, la nostra Minnie (così solo per gli amici) aumenta man mano il suo bagaglio eno-gastronomico e passa dalle degustazioni in scatola alle prelibatezze casalinghe del km zero.

Affina il tutto con primi "assaggi" professionali (e non) da free lance per poi approdare al successo nella redazione del più prestigioso concorrente londinese, il ben noto "Guinzagli e Segugi" che non richiede certo presentazione alcuna ed al quale siamo orgogliosi averla sottratta, tra una vellutata ed un bicchiere di buon wishy, torbato naturalmente. In seguito osteggiata nella perfida Albione solo per bieche ragioni politiche (free Scotland, free pet) ripara infine nella ridente toscana che ben la accoglie tra una bistecca e l'altra.

Pronta allo scodinzolo, sempre affabile purchè la si lasci russare in pace sulla sua prediletta poltrona, ben consapevoli che non dorme ma riflette sul prossimo pezzo... Cordiale con tutti, gatti compresi, ma nemica di chi si ostina a trattare i quadrupedi domestici alla stregua di poveri ignoranti culinari, impermeabile alle lusinghe della gola (bhé parliamone), inflessibile nei giudizi con alcune clamorose debacles quando un "Pata Negra" le raggiunge l'olfatto. La nostra Minnie non teme rivali.

Da lei a tutti i suoi innumerevoli fans, un affettuoso BEU!

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Un cliché decisamente intramontabile quello del plaid, caldo, “fluido” nel senso di trasportabile ovunque, sulla poltrona davanti alla tv, in camera da letto anche se la casa è ben riscaldata (1). Cosy è cosy, e sopratutto sta bene là dove si dimentica, senza compromettere lo stile domestico, qualunque esso sia: lo si getta sul divano, lo si riprende, si piega, si ripone nell'armadio, il più delle volte ritorna etc… Mai senza! Come il mitico tubino nero.  E a seconda dei propri fantasmi invernali, lo si può accompagnare a una vellutata fuma...