04nov 2023
Prato, Sounds on Friday, ai confini del jazz
Quattro venerdì da non perdere

A Prato un Novembre di musica con la XVIII edizione di Sounds on Friday - ai confini del jazz -  quattro venerdì da non perdere 3-10-17-24 Circolo La libertà del 1945.

Torna ad animare la scena pratese Sounds on Friday la manifestazione organizzata dal Circolo Arci di Viaccia giunta alla sua diciottesima edizione. Patrocinata dal Comune di Prato, Sounds on Friday è nata una decina di anni fa dall’incontro del Presidente del Circolo La libertà del 1945 Franco Falci e la flautista Carlotta Vettori, direttrice artistica della rassegna e da allora con i suoi due appuntamenti all’anno colora la periferia di Prato di musica. 

“Il sottotitolo di Sounds on Friday è ai confini del jazz- specifica la direttrice artistica Carlotta Vettori- perché gli artisti che verranno ad esibirsi, lo faranno con progetti originali, verranno presentati molti inediti e spazieranno tra generi e suggestioni. Anche in questa edizione autunnale proporremo quattro appuntamenti interessanti, diversi tra loro e di grande qualità che spero possano portare ancora una volta nella periferia estrema di Prato il calore del pubblico che finora ci ha seguito con entusiasmo”.

Ecco i protagonisti di questa edizione 

Venerdì 3 novembre l’apertura è affidata al Matteo Addabbo Organ Trio che proporrà L’asino che vola il loro progetto discografico che raccoglie nove brani originali, in cui il  compositore, pianista e organista Hammond è affiancato da Andrea Mucciarelli alla chitarra elettrica e Andrea Beninati alla batteria. Si spazia dall'hard bop più classico al nu-groove funk, fino al soul jazz più prettamente “hammondistico d'oltreoceano, rimanendo sempre ancorati ad un filo conduttore ben riconoscibile.

Venerdì 10 novembre si continua con Conversas Brasileira di recente formazione,  propone una serata all’insegna del samba e della bossa nova,  un omaggio al Brasile ed ai suoi maggiori compositori, dalle origini del samba ai giorni nostri. La voce è quella di Elisa Mini, alla chitarra Marco Galiero con special guest Carlotta Vettori al flauto

Venerdì 17 novembre sarà la volta di Nico Gori “Young Lions” 4tet (Nico Gori al clarinetto & sax, Sergio Aloisio Rizzo alla chitarra,  Francesco Tino al basso e Simone Brilli alla batteria) Il quartetto esegue brani della tradizione jazzistica americana alternati a composizioni originali del leader Nico Gori. Tuttavia non mancano incursioni nel mondo sud americano con esecuzione di brani della tradizione brasiliana, dallo “choro” alla “bossa nova”. Il tutto condito da un sound molto ricercato e ben arrangiato del quartetto dei “giovani leoni” di cui sono caratteristiche principali l’energia e il grande interplay tra i musicisti che lo compongono.

Venerdì 24 novembre a chiudere la rassegna Franco Santarnecchi Waves Orchestra il nuovo progetto del pianista e polistrumentista, attualmente al fianco di Jovanotti. L’orchestra si presenta a questa rassegna del “Sounds” con undici elementi di estrazione musicale diversa, tutti musicisti affermati o giovani promesse della scena jazz: Franco Santarnecchi al pianoforte, composizione e arrangiamenti, Titta Nesti voce, Carlotta Vettori flauto, Claudio Ingletti, Francesco Pantusa sax, Ellie Young violoncello, Franco Ceccanti alla chitarra, Valentina Bartoli tastiera, Leonardo Bettibasso, Beacon Martin e Gianni Apicella percussioni, Piero Borri alla batteria. 

Il repertorio del concerto presenterà brani originalmente scritti, arrangiati e diretti da Franco Santarnecchi, che, pur compiuti in se stessi, si ricollegano al tema principale, Waves, formando un percorso musicale omogeneo e architettato come un’opera teatrale.

Tutti i concerti avranno luogo presso Circolo “La libertà del 1945” Via Pistoiese 659 Viaccia a Prato

Orario inizio concerti 21.30

Info e prenotazioni: 349 232 1388

 

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Ecco che come ogni anno in questo periodo viene annunciato (1) il colore Pantone 2024. Peach Fuzz (codice 13-1023), un pò rosa, un pò arancio, la tonalità prescelta che strizza l’occhio all’universo food a noi tanto caro. Sì, perché è la tinta della pesca (2), come il nome lo identifica: un rosa caldo, morbido, delicato. Che comunica condivisione, voglia di stare insieme e di fare sana comunità. Nell’arredo poi, invita al comfort, ma altresì trasmette sensazioni delicatamente sensuali, vellutate (3...