Living & Convivi :: 29 ott 2023

Firenze, il fattore Tempo in mostra allo IED

Fino al 30 novembre 2023, la collettiva The Tilt of Time

La natura multiforme del tempo, ciclica, eterna, presente, lineare, frammentata, distorta, biologica e personale, si racconta attraverso le opere di Giulio Aldinucci, Fabrizio Ajello e Francesco D'Isa, Chiara Bettazzi, Alessandro Gandolfi, Jacopo Jenna, Namsal Siedlecki nella mostra collettiva The Tilt of Time (1 - Alessandro Gandolfi Climatic Change in Italy,2013-2019 Fotografia 70 x 46.5 cm) godibile negli ambienti di IED Firenze. L’esposizione nasce in relazione alla mostra Anish Kapoor. Untrue Unreal a Palazzo Strozzi (fino al 4 febbraio 2024, di cui abbiamo già parlato il 9 ottobre 2023 QUI) e segna il terzo anno di collaborazione tra il Master in Curatorial Practice di IED Firenze e la Fondazione Palazzo Strozzi.

LA MOSTRA

Il percorso inizia con un'installazione site-specific di Chiara Bettazzi (2), che attraverso l’uso di oggetti provenienti dai magazzini dell’istituto, ibridati con gli oggetti evocativi provenienti dal suo studio, genera nuove forme capaci di sottolineare l’incontro tra piani temporali diversi e il senso di transitorietà della materia. Alla grande installazione che restituisce nuova vita ed equilibri agli oggetti, come una natura morta espansa che ci fa riflettere sul ruolo del tempo, segue il racconto fotografico di Alessandro Gandolfi che presenta immagini selezionate da reportage che ha effettuato in quattro diverse aree del mondo. Le storie raccontano le tensioni geopolitiche del nostro tempo presente e, attraverso le vite degli altri, ci interrogano sulle crisi della nostra società contemporanea.

I lucernari (tunnel solari) che caratterizzano l’architettura del lungo corridoio di IED accolgono un articolato wall-drawing di Fabrizio Ajello e Francesco D’Isa (3). I due artisti, affiancati dalla classe del master, hanno trascritto sogni da utilizzare come materia generativa di un processo creativo, dopodiché, sfruttando programmi di intelligenza artificiale (AI), hanno trasformato le narrazioni delle esperienze oniriche in immagini. L‘archivio visivo nato da questo incontro è stato reinterpretato e tradotto in complessi disegni che trovano spazio sulla pelle dell’edificio. Il dialogo fra l'uomo e la tecnologia ci porta in un futuro (già presente) che intreccia tempi, tecniche, suggestioni e visioni da osservare come sinopie di affreschi.

Conclude la mostra la scultura di Namsal Siedlecki, una testa in vetro soffiato (4) che trova la sua genesi nel rapporto con la statuaria del passato, in un passaggio di testimone tra forme e materiali. L’artista ha lavorato con la cavità residua di una scultura in bronzo, grazie al suo intervento la forma negativa custodita dentro la statua bronzea si è liberata ed è diventata il modello per una nuova scultura in vetro, capace di preservare la memoria della volumetria originaria. Posta alla fine del corridoio principale di IED Firenze, la scultura invita gli spettatori a confrontarsi con l'interazione tra passato e presente, e il continuo mutare delle forme. La mostra si completa con due eventi performativi pensati per gli spazi della Strozzina a Palazzo Strozzi: sabato 11 novembre (ore 21.30-8.00) lo sleeping concert di Giulio Aldinucci  (5) e giovedì 23 novembre (ore 19.00-21.00) la durational performance di Jacopo Jenna. 

Giulio Aldinucci, compositore e sound artist, si addentra nel tempo come durata percettiva proponendo uno sleeping concert, una performance dal vivo per tutta la durata della notte. Le sue composizioni elettroacustiche sperimentali accompagneranno i visitatori nella percezione del tempo notturno, onirico, dilatato, meditativo. Nella musica di Aldinucci riverberano le memorie sonore dei luoghi visitati dall’artista, l’uso di campionamenti e field recordings gli permette di creare un ponte immersivo tra la storia e il momento presente.

Il corpo e i suoi movimenti, che scandiscono il tempo e indagano lo spazio, sono l’oggetto di ricerca della performance di Jacopo Jenna. L’artista ha creato un lavoro, una performance di lunga durata, che si confronta con i diversi spazi della Strozzina, dove le azioni eseguite da performer si intrecciano con una composizione musicale discontinua tra le sale, una coreografia di luci e una partitura di azioni per il pubblico. Il ciclo continuo di movimenti, suoni e luci lascia spazio all’intervento del pubblico che può interagire nella costruzione dell’evento. Il tempo diventa un’esperienza partecipata concreta, un’indagine che ognuno di noi può incarnare e misurare.

“Il tempo infinito di internet. Il tempo interrotto della pandemia. Indietro nel tempo con la guerra in Ucraina. Il tempo velocizzato dell’intelligenza artificiale. Una serie di eventi storici recenti rende attualissimo il tema del tempo, il quale è sempre correlato a quello dello spazio, come Storia e Geografia. Per questo penso sia importante dedicare gli spazi veri e reali della scuola per dare continuità a Anish Kapoor. Untrue Unreal. La scuola è il luogo dove i giovani danno forma allo spirito del tempo”, sottolinea Danilo Venturi Direttore IED Firenze.

 

Il progetto The Tilt of Time è coordinato da Daria Filardo (IED) e Martino Margheri (Fondazione Palazzo Strozzi) con lo sviluppo curatoriale dalla classe del Master 2022/23: Georgina Anastasi, Victoria Cassone, Hailey Conway, Patricia Hale-Siedler, Sneha Harish Chaturani, Solomiia Hrebeniak-Dubova, Alisa Kanevskiy, Catarina Mel, Emma Miles e Alexandra Skilnick.

 

THE TILT OF TIME

27 ottobre-30 novembre 2023

IED Firenze, via Bufalini 6R  

Orario: lunedì-venerdì, 9.00-18:00, ingresso libero  (chiusa mercoledì 1° novembre) 

Altre info: 

FMM Highlights

Food :: 3 apr 2024
Centro Carni Company, il top passa di qui
Formazione e rispetto per i consumers, i must
Visioni da bere :: 3 apr 2024
Vini cult: Rosato Mearosa 2023, raffinato e audace
Oltre al gusto, un colore vivo che ricorda il melograno
Living & Convivi :: 28 mar 2024
Roma, mostra “Impressionisti - L’alba della modernità”
I 150 anni di un movimento che rivoluzionò l'arte
Food :: 26 mar 2024
Toscana, “Bistrot Lo Zero”, il fine dining sulle colline fiorentine
Ottima cucina di pesce e possibilità del senza glutine
Living & Convivi :: 21 mar 2024
Firenze, Uffizi: cosa cambia?
Biglietto sull'iPhone, ingressi serali per i fiorentini e molto altro
Living & Convivi :: 19 mar 2024
Milano, Grandi mostre: Cezanne e Renoir
A Palazzo Reale
FoodMoodMag
Via Ximenes, 19 50125 Firenze
redazione@foodmoodmag.it
+ 39 055 8026163