18lug 2022
Milano - Corner 58 by Roberto Conti
La nuova pizzeria gourmet

Tra le molte, rimarchevoli aperture di questi mesi nella città meneghina, un posto di rilievo lo occupa senza dubbio Corner 58 by Roberto Conti, il nuovo concept di pizzeria gourmet (1) e piatti gustosi e creativi, in viale Argonne 11 in città studi. Un locale che si ispira ad uno stile newyorkese, accogliente con luci soffuse, mattoni a vista e tavoli in legno. Reduce da esperienze presso grandi chef quali Cracco, Lehmann, Berton, Taglienti, ha conquistato presso il Trussardi alla Scala la stella Michelin, per poi aprire a Mortara, nel Pavese il suo ristorante con annesse 16 stanze, Rc Resort. Il suo nuovo progetto in collaborazione con l’imprenditore vigevanese Francesco Cottino, è la pizzeria gourmet milanese, Corner 58. Da noi intervistato, Roberto Conti (2) ci ha detto che ha voluto creare una pizza come piace a lui, sia di tipo tradizionale che creativa con il cornicione, presente ma non eccessivamente alto. Si parte con la pizza liquida, un amuse bouche creato dallo chef a base di salsa di pomodoro, crema di mozzarella di bufala, polvere di pane bruciato, sale, olio e basilico, molto gustoso in quanto ricrea alla perfezione i sapori della pizza, solo in una diversa consistenza. Il resident chef del locale è Michele Botta (3), proveniente da una famiglia di pizzaioli napoletani, già presente in precedenza da Marghe e Cocciuto, due nomi noti ai pizza lovers milanesi. Punto fondamentale del locale è la ricerca di materie prime di altissima qualità che rendono le pizze semplicemente straordinarie. Noi abbiamo assaggiato la Capricciosa con fior di latte, spalla cotta di San Secondo, funghi cardoncelli, carciofi di Pantelleria e olive di Cerignola, la migliore Capricciosa della mia vita senza tema di smentita, e una Napoli con fior di latte, alici del cantabrico, impreziosita dalle foglie di cappero. Molto interessante anche la Marinara che, per ingentilirla, viene proposta in una versione con aglio nero di Voghiera, la dop del ferrarese. Anche la Margherita presenta oltre al fiordilatte, pomodori sia gialli che rossi, mentre nella Bufala i pomodori sono del Vesuvio. Le pizze contemporanee sono decisamente accattivanti, la Milanese (4) in cui entrano ossobuco, zafferano e riso croccante, la Tonnata con uno splendido vitello al rosa, la Parmigiana, la Carbonara e la Ligure, sempre con della materie eccellenti. Tra quelle che potremmo definire gourmet la Milano (culatello, gorgonzola, tartufo nero), la Portofino (yogurt salato, ostrica, caviale gambero) e la Montecarlo (scampo, asparagi di mare). Tutto ai massimi livelli, come le altre portate del menu: focacce, 8 tartare di pesce (5), ostriche, un vitello tonnato e una battuta di manzo, oltre a 3 insalate di frutta e verdura di stagione. Degna conclusione, una serie di gelati (6) con un cono artigianale da leccarsi i baffi. La parte delle bevande anch’essa è originale, in quanto prevede una selezione di bollicine italiane e champagne che si armonizzano perfettamente sia con le pizze che con i piatti proposti. Una novità nel mondo delle pizzerie milanesi che vi invitiamo a provare in quanto tra le migliori della città. 

 

 

 

1

2

3

4

5

6

SPUNTI DI VISTA

EDITO

I colori iniziano a cambiare, accompagnando le giornate che si fanno più corte (1). Giardini e foreste si vestono di “nuovo”, rosso e oro le tinte dominanti, gloria e sfarzo non sono mai così evidenti come ora (2). Si muta, noi con loro verso l’inverno? No grazie, non ancora almeno. C’è la stagione di mezzo, affascinate e misteriosa: l’Autunno più intimo, più cosy che invita a rannicchiarsi tra le mura domestiche con una corroborante tazza di tè caldo (3) o una prima vellutata fumante (4). E’ il momento ideale per cogliere...