Living & Convivi :: 3 gen 2024

Carta da parati dei desideri

Tra nostalgia e innovazione

Vegetale, floreale, più vera della natura, effetto sughero, cuoio, seta, brillante, pop, green, dalla stampa oversize, geometrica etc… La carta da parati veste i muri con personalità (1). Ormai, sceglierla per casa (ma non solo...) è quasi elemento imprescindibile purché lo si faccia con stile, gusto e intelligenza. In passato era all over, rivestiva tutte le pareti di un singolo ambiente, tipo "mood scatola" (i francesi lo sanno bene) - “Oggi la si opziona per una o massimo due pareti di una stanza” - ci racconta l’artigiano fiorentino Franco Ardenni (2 - Carta da parati Toile de Jouy rosso di www.cartadaparatideglianni70.com) che da quasi cinquant’anni, posa wallpaper in appartamenti, castelli, casali o ville. La carta da parati (3) diventa una sorta di quinta con il decoro protagonista. Sempre Ardenni ci sottolinea quanto questo settore sia esploso in modo esponenziale dopo l’arrivo del digitale, favorendo il moltiplicarsi di patterns diversi, affascinati, unici ma sopratutto di una tecnologia che rasenta il senza limite, come le carte di ultima generazione che impermeabilizzano l’ambiente bagno o la singola doccia, oppure quelle fono assorbenti etc. Il parato è bello ma altresì utile a risolvere un problema. La ricerca è costante tanto che l’effetto wow è una garanzia e se negli anni ’70 i decori erano limitati, ebbene, ora sono tantissimi e diversi. E rispondono alle molteplici esigenze abitative e di contract. “Ne è passata di acqua sotto i ponti” - continua Ardenni - “da quando avevo 19 anni e usavo la colla di pesce per incollare le carte alla pareti; i disegni, poi, erano molto pochi: il damascato o il rigato”. Il parato del cuore di Ardenni è quello a tema “animali estinti”. Bellissimo, non sono poche le maison d’arredo che hanno proposto la loro personale versione come il capolavoro panoramico di Moooi con “Menagerie of Extinct Animals” (4). 

Ed ecco qualche altro spunto interessante…

Wall&decò 

Contemporary Wallpaper 2023: COCOON

I colori e le texture sono rigorosamente naturali: terra, sabbia, terracotta, e paglia (5). “È mattina, colazione in Bretagna, fine Ottocento. Le signore, tutte insieme… preferiscono trattenersi in terrazza”. Altre info QUI.

Ambientha

Prana - design Antar Elena Borghi

Un nuovo impressionismo fatto di sovrapposizioni e ampie pennellate. Prana (6) crea un’atmosfera rilassante pur mantenendo un carattere voluttuoso ed elegante che caratterizza la decorazione e l’ambiente nel quale viene inserita. La luce è il segno consistente di un illuminismo che riporta all’energia della natura rappresentato qui dal giglio. Altre info QUI.

 

FMM Highlights

Food :: 3 apr 2024
Centro Carni Company, il top passa di qui
Formazione e rispetto per i consumers, i must
Visioni da bere :: 3 apr 2024
Vini cult: Rosato Mearosa 2023, raffinato e audace
Oltre al gusto, un colore vivo che ricorda il melograno
Living & Convivi :: 28 mar 2024
Roma, mostra “Impressionisti - L’alba della modernità”
I 150 anni di un movimento che rivoluzionò l'arte
Food :: 26 mar 2024
Toscana, “Bistrot Lo Zero”, il fine dining sulle colline fiorentine
Ottima cucina di pesce e possibilità del senza glutine
Living & Convivi :: 21 mar 2024
Firenze, Uffizi: cosa cambia?
Biglietto sull'iPhone, ingressi serali per i fiorentini e molto altro
Living & Convivi :: 19 mar 2024
Milano, Grandi mostre: Cezanne e Renoir
A Palazzo Reale
FoodMoodMag
Via Ximenes, 19 50125 Firenze
redazione@foodmoodmag.it
+ 39 055 8026163