Food :: 3 apr 2024

Centro Carni Company, il top passa di qui

Formazione e rispetto per i consumers, i must

Il capitale umano ma anche il lavoro di squadra, la formazione, la sostenibilità ambientale e sociale, l'assiduo controllo della filiera, la ricerca e l'innovazione, questi e molti altri i valori di un'azienda "con i numeri" di nome e di fatto, attiva nella lavorazione della carne bovina. Stiamo parlando di Centro Carni Company con sede Tombolo in provincia di Padova, forte nell’ambito specifico del disosso e di una potenzialità giornaliera di 80 tonnellate.

Bisogna risalire alla fine degli anni '80 per capire il costante processo di sviluppo di quest'impresa di successo, quando la famiglia Pilotto e la famiglia Beghetto avviano una collaborazione nel commercio del bestiame vivo, specializzandosi, poi, nella lavorazione delle carni. Nasce così Centro Carni Company Spa, oggi un vero big player con 200 dipendenti e un fatturato di 153 milioni di euro. Senza voler dipingere l'azienda come un'assoluta isola felice, vero è che la filosofia del brand vanta una cultura aziendale radicata, vitale, dove, tra gli altri, vige l'impegno di promuovere le potenzialità individuali con la formazione, poiché ogni persona presente nel processo è il fondamento per il successo. Così Centro Carni Company si fa promotrice della MEatSCHOOL, l’Academy per la formazione, informazione e diffusione della cultura della carne bovina in Italia, un progetto altresì pensato per sopperire alla mancanza, purtroppo non banale, di lavoratori formati. 550 mq di aule didattiche e percorsi esperienziali per nuove figure professionali da inserire nelle diverse aree della filiera produttiva delle carni bovine, dall’allevamento alla lavorazione del prodotto, dalle aree operation alla gestione delle vendite. "Il macellaio o il ristoratore di carne del futuro oltre ad essere bravissimo a tagliare deve essere, secondo noi, anche un pò narratore, bravo a raccontare le caratteristiche della filiera nonché l'aspetto sensoriale della carne" - ha precisato Paolo Amedeo Garofalo, direttore della MEatSCHOOL.

E ancora... Un altro anello tanto delicato quanto nodale, la Filiera. Tutti i bovini, provenienti dall’Italia e dai Paesi dell’Unione Europea, sono allevati per almeno quattro mesi in aziende specializzate, dove vigono tecniche e procedure derivanti dalla grande tradizione dell’allevamento italiano nel totale rispetto degli standard legati al benessere animale. Coinvolte circa 17 aziende del settore, quali allevamenti e macelli, principalmente in Veneto. L'obiettivo? Qualità massima attraverso un continuo monitoraggio dell’animale: dall'igiene degli ambienti al monitoraggio dello stato di salute del capo, fino all’alimentazione. 

Ma veniamo alle diverse referenze che propone l'azienda al mercato...

Due i brand principe: uno per la GDO, l’altro per l'Ho.Re.Ca.

 

Il marchio You&Meat

Contempla burger gourmet caratterizzata da una ricetta speciale e un’ampia tipologia di carni: Chianina, Scottona, Bovino, Aberdeen Angus Sired, Bio e Piemontese, in tagli da 200 grammi e 300 grammi nel caso della Scottona. Inoltre, la gamma You&Meat vede al suo interno tagli già porzionati come la tagliata e la costata di Aberdeen Angus Sired e un ventaglio di tagli specifici per il barbecue, come la New York Strip Steak o la Wing Rib, per citarne alcune.

 

Il marchio Unika

Serve l'Ho.Re.Ca., con i migliori tagli anatomici di Bovino adulto, Aberdeen Angus Sired, Scottona e Vitello (sia versione wet aged sia dry aged) e una linea di burger gourmet, in versione fresca e gelo. 

"Essendo un prodotto che viene consumato crudo è massima l'attenzione nel processo di sicurezza e sterilità" - ha precisato la Responsabile qualità Nicole Fantinato, presentandoci la Battuta al Coltello You&Mea e il relativo iter produttivo.

Due le varianti di gusto: con carne Aberdeen Angus sired proveniente dagli allevamenti della filiera di CCC (“La nostra filiera”) e di scottona .

Un prodotto veloce, easy to cook, la Battuta al coltello, in due formati diversi, si presta come antipasto, piatto unico o delizioso appetizer. La texture della carne è leggera e morbida in bocca. Un accenno di succo di limone regala un gradevole sentore di freschezza. Anche l'umidità ha un buon equilibrio così come il piacevole profumo che suggerisce l'inequivocabile eccellenza della materia prima.

Intelligente la proposta di una ricettazione “neutra” da interpretare o personalizzare secondo i propri gusti, con aggiunte di condimenti più o meno intensi. I vari pack sono prodighi di suggestioni d'uso specifici, come i pairing con la senape per la scottona o con fette di pane rustico croccante per l'angus. Lodevole la certificazione gluten free.

"Con questo nuovo prodotto" - ha dichiarato Raffaele Pilotto, Direttore Marketing - "desideriamo offrire ai consumatori la possibilità di gustare la nostra carne in modo veloce consentendo loro allo stesso tempo di personalizzarla a piacimento. Riteniamo cruciale investire nelle tecnologie al fine di migliorare sia i nostri prodotti sia i nostri processi".

 

FMM Highlights

Living & Convivi :: 24 apr 2024
Torino, Toulouse Lautrec in mostra
Al Mastio della Cittadella, Parigi e la Belle Époque
Visioni da bere :: 22 apr 2024
Torino, Damman Freres inaugura la sua seconda boutique del tè
Incontri di gusto fra Francia e Piemonte
Living & Convivi :: 22 apr 2024
Firenze, Uzbekistan: l'Avanguardia nel deserto
A Palazzo Pitti, in mostra la luce e il colore
Visioni da bere :: 16 apr 2024
Living Liqueurs and Delights compie 20 anni
La Milano da bere di livello
Lifestyle & Beauty :: 11 apr 2024
La bellezza secondo Euracom
Make up protettivo per un effetto shiny
Food :: 10 apr 2024
Meno30 Surgelati, qualità e bontà pronti in un lampo
Tra ricette della tradizione e pesce al naturale
FoodMoodMag
Via Ximenes, 19 50125 Firenze
redazione@foodmoodmag.it
+ 39 055 8026163