18apr 2022
Firenze - Il mondo in tavola con la Scuola Cordon Bleu
Prima tappa gourmet, la cucina peruviana

Si sa, la cucina peruviana è un’eccellenza planetaria, non ultimo il riconoscimento del World's 50 Best Restaurants che, proprio nel 2021, è andato alla chef 34enne di Lima Pía León e ne conferma l’indubbio livello. Piatti deliziosi e sopratutto molto vari che anche qui a Firenze sono stati recentemente oggetto di “studio” al palato in occasione di uno show cooking presso la prestigiosa Scuola di Arte Culinaria Cordon Bleu, la più antica accademia di cibo in Toscana. Primo di una lunga serie di appuntamenti dedicati al food & beverage di Paesi lontani, protagonista ai fornelli e raffinato regista della serata, è stato lo chef peruviano Pablo Gugic (1) titolare del ristorante “El Inca”. Alla presenza del Console Generale del Perù a Firenze, Luis Galindo, ha deliziato i presenti con un menù completo da antipasto al dolce (2 - 3). In scena, autentiche prelibatezze, dal causa de rocoto e alici croccanti con salsa huancaina, al anticucho di polpo con pure di patate e chimichurri, al tacacho con cecina y ensalada de cocona e aji charapita (piatto amazzonico), al ceviche classico, passando per il risotto nero di seppia con gamberi e aji amarillo, terminando in dolcezza con involtini di more con zabaione di pisco (4 - 5). Un viaggio stando seduti tra i sapori e i profumi tipici di questo Paese sud americano accompagnato da drink di tutto rispetto come il pisco sour a base del "Pisco Porton” - tipico distillato di vino peruviano - proposto da Cristian Becherucci, bartender del Bar Empireo di Firenze (6). Insomma, un gustoso tuffo nella ricchissima tradizione gastronomica peruviana per imparare i trucchi del mestiere e riprodurli una volta a casa. Un’iniziativa lodevole di cui aspettiamo con impazienza di conoscere la prossima meta gourmet.

Se vi stuzzicano le cucine internazionali, seguite il programma della Scuola Cordon Bleu Firenze, le sorprese vi lasceranno a bocca aperta (non per molto però...).

 

Altre info:

 

1

2

3

4

5

6

Photo Credits

Photo 1 : gianfranco gori
Photo 2 : gianfranco gori
Photo 3 : gianfranco gori
Photo 4 : gianfranco gori
Photo 5 : gianfranco gori
Photo 6 : gianfranco gori

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Un cliché decisamente intramontabile quello del plaid, caldo, “fluido” nel senso di trasportabile ovunque, sulla poltrona davanti alla tv, in camera da letto anche se la casa è ben riscaldata (1). Cosy è cosy, e sopratutto sta bene là dove si dimentica, senza compromettere lo stile domestico, qualunque esso sia: lo si getta sul divano, lo si riprende, si piega, si ripone nell'armadio, il più delle volte ritorna etc… Mai senza! Come il mitico tubino nero.  E a seconda dei propri fantasmi invernali, lo si può accompagnare a una vellutata fuma...