19mar 2023
Verona, Muraless Art Hotel: la Street art entra in camera
Il museo dell'accoglienza firmato da writer di fama mondiale

C’è la camera di Fellini, di Michelangelo, di Madama Butterfly, della Ferrari, del Brunello di Montalcino (1), di Fornasetti e molti altri. No, non è un viaggio psichedelico o un’esperienza mistica ad occhi aperti, ma una struttura reale in un luogo fisico accessibile a tutti. Stiamo parlando dell’affascinante Muraless Art Hotel (2), da poco inaugurato al pubblico, non lontano dal centro di Verona, vero museo vivente di Arte Urbana destinato all’ospitalità.

Il progetto nasce dal sogno di Gianmaria Villa (3 - Primo da Dx) - complice il know haw nell’arte dell’amico e Art Advisor Luigi Leardinidi - di ridare vita all’ex Hotel Cristallo, avviando una radicale riqualificazione nel segno del linguaggio e dei caratteri espressivi dell’arte. Fil Rouge di questo gioiello architettonico per soggiorni unici, la Street Art: protagonisti, infatti, più di 50 writer di fama mondiale che, in oltre 94 camere distribuite su 3 piani, hanno interpretato, ognuno secondo il proprio estro e stile, le eccellenze del Bel Paese, dal vino, all’opera lirica, al cinema, ai motori, all’arte, all’architettura e design, al cibo, alla moda etc.

Ogni stanza promette un’esperienza immersiva, tra fantasia e realtà, unica e irripetibile. Penso a quella firmata da Matteo Capobianco (aka Ufo5) e dedicata ai grandi navigatori italiani: creata con la tecnica a pennello, è un viaggio tra flutti e marosi, immortalato da una sorta di pergamena srotolata dove spiccano mappe navali e creature marine. O ancora i mosaici pompeiani (4) a soffitto, realizzati con tecnica mista, spray e pittura dell’artista Refreshink, che dominano con eleganza un’altra delle camere. Un autentico tuffo adrenalinico, invece, l’ambiente che rappresenta l’opera del Barbiere di Siviglia di Mr Fijodo (5): “avvolgente” e ludico al contempo, con Figaro che ricorda il volto di Salvator Dalì. Sembra di sentirle le note di Rossini... Poesia e delicatezza, sono gli atout del murales di Ale Senso dedicato al sommo Poeta. Ispirato alla Vita Nova, raffigura l'incontro di Dante e Beatrice (6) da bambini, la sofferenza del Poeta per la frustrazione del suo amore per lei e l'idealizzazione dell'amata, ormai defunta. “Ogni opera è protetta dalla polvere e sopratutto dagli urti, grazie all’ausilio di un fissativo” - ci ha sottolineato, durante la visita, Laura Sancassani, event manager Muraless Art Hotel. 

Punta di diamante della magnifica galleria dell’accoglienza, l’imponete facciata esterna del famoso writer Mr. Brainwash, in collaborazione con la Galleria d’arte Deodato di Milano. Opera esclusiva come dimensioni e prima in Europa, narra di Monna Lisa, Marilyn Monroe, Albert Einstein che regge un cartello con la scritta Love is the Answer, Mickey Mouse e Minnie che si abbracciano, tutti simboli eterni di amore e rispetto, tipici dell’artista, che ritornano nell’intervento dell’Hotel.

Destinato a una clientela business e bleisure (affari + tempo libero) e forte della sua vicinanza all’autostrada, alla Fiera di Verona e al centro storico, è soggiorno ideale per chi viaggia per lavoro o desidera visitare la città scaligera, dimorando in un puro capolavoro d’arte contemporanea.

Il Muraless Art Hotel verrà copiato o riprodotto in altre parti del mondo? La domanda sorge spontanea, noi lo crediamo. La mente corre alla lampada Arco dei Fratelli Castiglioni, tanto per citare un must del design italiano. Replicata e imitata senza fine. Un successo. Probabilmente lo stesso che attende questo splendore dell'hotellerie. 

 

Altre info:

 

1

2

3

4

5

6

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Ecco che come ogni anno in questo periodo viene annunciato (1) il colore Pantone 2024. Peach Fuzz (codice 13-1023), un pò rosa, un pò arancio, la tonalità prescelta che strizza l’occhio all’universo food a noi tanto caro. Sì, perché è la tinta della pesca (2), come il nome lo identifica: un rosa caldo, morbido, delicato. Che comunica condivisione, voglia di stare insieme e di fare sana comunità. Nell’arredo poi, invita al comfort, ma altresì trasmette sensazioni delicatamente sensuali, vellutate (3...